farus

Il Workshop “Navighiamo verso la ripresa”si è tenuto il 04 maggio 2013 presso la sala convegni di Marina Lepanto Via Consiglio d’Europa 38, Monfalcone (GO).
Come previsto alle ore 9.30 è iniziata l’accoglienza e la registrazione dei partecipanti a cura dei componenti del cluster: sono stati presi gli accordi finali per il buffet e per la sistemazione della sala.

 

Alle ore 10.00 il moderatore Andrea Polelli, CNA Veneto, ha dato inizio ai lavori ringraziando i presenti e presentando immediatamente Denis Puntin, Presidente Assonautica.

Il Sig. Puntin ha dato il suo benvenuto ed ha introdotto l’incontro passando subito dopo poi il testimone a Nello Coppeto, Presidente vicario regionale CNA, per i saluti di benvenuto da parte di Cna FVG partner di Cna Veneto.

Alle ore 10.10, diversamente da quanto previsto, al Sig. Andrej Šik, URES Trieste, si è sostituito Claudio Di Giorgio, INFORMEST Gorizia, per l’introduzione su ICON: Rete transfrontaliera del settore nautico dell’Alto Adriatico. Il Sig. Di Giorgio ha spiegato come l'incontro nasca nell'ambito di tale progetto Europeo quale momento di confronto tra le imprese della filiera nautica dell’Alto Adriatico L'obiettivo, di ICON in generale e del cluster della nautica in particolare,è quello di rafforzare la cooperazione, incoraggiando l'innovazione e lo sviluppo di collegamenti
(reti, cluster, piattaforme) che possano aumentare la competitività e l'integrazione nautica transfrontaliera.

“I dati dell'Osservatorio nautico nazionale ci mostrano un 2012 sicuramente non brillante: più che dimezzata la spesa dei diportisti sul territorio (-56% ), crollo di contratti di ormeggi annuali (-26%), e di transito (-34%), ricavi per gli ormeggi a gestione pubblica (-39%) , fatturato del settore a picco e oltre 10.000 posti di lavoro persi - spiega Andrea Polelli dirigente di CNA – Nonostante la crisi e gli interventi normativi fortemente penalizzanti, la nautica italiana ricopre ancora oggi un ruolo strategico e di vitale importanza per il rilancio dell'economia nazionale.

Incontri come questo possono contribuire ad elaborare possibili linee di intervento a sostegno dello sviluppo del comparto nautico, per superare il difficile momento che il settore sta affrontando”.
Di seguito, come da programma, il moderatore ha presentato Marco Vedovato, Direttore del Master in Innovazione Strategica presso l’Università Ca' Foscari di Venezia che parlato di Aggregazione d’impresa: dalla “ricetta” al processo.

“Le aggregazioni costituiscono una vitale opportunità per l'accrescimento della competitività delle imprese partecipanti” commenta il Prof. Vedovato. “Attraverso la collaborazione più o
meno stretta, infatti, possono migliorare la loro efficienza, ridurre i costi o raggiungere soglie critiche necessarie per lo svolgimento di certe attività. Le aggregazioni, tuttavia, presentano anche importanti criticità, perché implicano un appesantimento dei processi decisionali e la necessità della negoziazione con i partner. Affinché tali criticità non compromettano i vantaggi è indispensabile che le aggregazioni siano costruite e poi gestite attraverso opportuni strumenti”. L’intervento è proseguito descrivendo i possibili interventi e correttivi per una aggregazione di successo (es. regole decisionali snelle,responsabilità dei processi,meccanismi di partecipazione a costi e benefici,gestione per obiettivi ecc.).

Di seguito Stefano Secchieri, in rappresentanza del Consorzio Navi del Delta, ha portato una esperienza diretta di aggregazione nel primo dei CASE STUDY: PO DELTA TOURISM, club di prodotto del Consorzio delle navi del Delta del Po: un minicluster di successo.